L’istituto non vuole aumentare le assunzioni (800) previste a fronte delle 1.630 uscite indicate nel piano industriale. Interrotte le trattative sull’utilizzo del fondo di solidarietà