L’Istituto di Francoforte ha deciso di rendere la politica monetaria meno restrittiva, tenendo conto delle prospettive di crescita modeste e del rallentamento dell’inflazione