Gli istituti di credito disattendono il sollecito di Banca d’Italia a rivedere tassi e spese in favore dei correntisti. E intanto i profitti corrono