Sinner esordisce al suo quarto Wimbledon in carriera, per la prima volta come numero uno del mondo, con l’obiettivo di infrangere un altro tabù