Il segretario della Nato, in carica fino a ottobre, chiede agli alleati di far cadere il divieto per Kiev di utilizzare le armi occidentali contro obiettivi in territorio russo. Alimentando la spaccatura interna all’Alleanza