Alcuni esponenti della banca centrale americana hanno confermato che non c’è fretta e che l’inflazione deve dare segnali più concreti di ridimensionamento prima di avviare il processo di riduzione dei tassi