L’euro continua ad indebolirsi e cede il passo al dollaro che sconta una Fed più prudente sui tagli dei tassi. Ma sulle valute influiscono anche gli esiti non sempre scontati delle elezioni.